Prima Pagina Cronaca| Attualita| Politica| Magazine| Appuntamenti| Storie| Mediagallery| Annunci|
Innovazione e tecnologie
mercoled, 5 giugno 2013 ore 10:22
In Italia Smartphone mania: utilizzati per tutto meno che per telefonare, ma guai a perderli

Tutti ce l’hanno o ne desiderano uno, per un mercato che pare non subire la crisi

Smartphone mania
di GoCity Puglia

I vertiginosi ritmi del processo tecnologico producono continuamente strumenti sempre nuovi che fagocitano per funzionamento ed iper-medialità quelli precedenti.
 
È il motivo per cui i vecchi telefonini scompaiono sotto l’ingombrante cono d’ombra degli smartphone, dispositivi tecnologici a metà tra il classico cellulare e il personal computer, che verrebbero, però, utilizzati sempre meno per telefonare: 27 milioni di italiani ne possiedono almeno uno, e circa 22 milioni lo usano per accedere ad internet. Entro l’anno è anche previsto il sorpasso della diffusione degli smartphone sui Pc (calo vendite Pc: colpa degli smartphone?).
 
La vendita di questi dispositivi in Italia sembra non patire la crisi economica globale, probabilmente anche per le svariata fascia di prezzi che l’immensa gamma del pianeta smartphone può offrire.
  
Il dato interessante sta nell’uso che se ne fa: vengono sempre più utilizzati per chattare, navigare su Internet e connettersi ai social network, e per essere in costante comunicazione con i propri contatti con tanto di notifiche in tempo reale.
 
Secondo i risultati di un’indagine condotta dal produttore di memorie Kingston Technology sull’uso degli smartphone in Italia, il 33,3% degli intervistati lo usa principalmente per il social 2.0, ammettendo di servirsene principalmente per i vari Facebook, Twitter, Instagram e WhatsApp, il 26,4% lo utilizza per chattare su WhatsApp, e solo il 9,7%  per l’invio di sms.
 
Ormai si tratta di inseparabili compagni quotidiani, consultati all’incirca una volta ogni sei minuti (leggi l’articolo), talvolta anche mentre si è in tutt’altre faccende affaccendati (una donna su tre lo consulterebbe mentre fa sesso).
 
Il potenziale archivio di uno smartphone poi custodisce frammenti di vita imprescindibili, come foto e canzoni, numeri del conto corrente e password. Di conseguenza per il 32,9% degli italiani perdere il proprio smartphone significherebbe subire una perdita scioccante, una  vera e propria tragedia. Per molti sarebbe traumatico anche vedere il proprio dispositivo nelle mani del partner: anche se il 57,9% dichiara di non aver nulla da nascondere, il 22,4% ammette di non lasciarlo mai incustodito, mentre il 10,5% si tutela con opportuni codice d’accesso.
 
Non c’è da meravigliarsi quindi se anche lo zio cinquantenne desidera tanto cambiare il vecchio telefonino con uno smartphone, incantato da come il proprio figlio di tre anni muove le manine in perfetta sincronia sul touchscreen (ignaro di come per un nativo digitale certe cose siano semplici ed automatiche), salvo poi impiegare le giornate a farsene spiegare il funzionamento dai nipoti.      
 
 
Tempo stimato di lettura 1' 40"

Attibuzione - Non commerciale

   

 

Parole chiave: Smartphone, dipendenza, navigare, social, Facebook, Twitter, Instagram, WhatsApp,

 






 

Non sono presenti commenti

 

 

 

 

mercoledì 26 settembre 2018

Offerte viaggi Offerte pacchetti turistici in Puglia
Scopri le offerte "tutto compreso" per le tue vacanze in Puglia proposte dalle strutture che aderiscono a Gopuglia.
Spazio promozionale
Powered by Gosystem